Menu
Registrati

CookiesAccept

Questo sito utilizza i cookie per migliorare i servizi offerti agli utenti.

Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Per saperne di più

OK

Videosorveglianza e condominio: ecco come funziona

Videosorveglianza e condominio: ecco come funziona

Il tema della sicurezza all'interno ed all'esterno della propria abitazione continua ad animare le assemblee condominiali e la recente riforma del condominio ha introdotto interessanti novità in materia di sistemi di videosorveglianza.

Prendendo spunto dalle numerose richieste di chiarimenti che ci sono pervenute, cerchiamo di approfondire il tema.

Una netta distinzione va fatta sulla base della destinazione dell’impianto di videosorveglianza a cui si fa riferimento, quindi una telecamera ad uso esclusivo del singolo condomino o un impianto di videosorveglianza per le parti comuni del condominio. Il tema centrale è ovviamente quello legato  al codice della privacy.

Partiamo dalla videosorveglianza delle parti comuni, dove l’art. 1122 ter del codice civile per la prima volta definisce in maniera esplicita che l'installazione di un impianto di videosorveglianza può essere deliberato dall'assemblea con voto favorevole della maggioranza degli intervenuti che rappresentino almeno la metà dei millesimi.

L’installazione deve essere effettuata rispettando tutte le misure e precauzioni previste dal garante che includono l’apposizione di appositi cartelli che segnalano la presenza di telecamere, l’obbligo di conservare le immagini solo per un periodo limitato (solitamente 24-48 ore) e di riprendere solo le parti comuni evitando quindi di registrare immagini di strade e luoghi circostanti.

Cosa succede se il singolo condomino vuole installare una telecamera che riprenda l'ingresso della propria abitazione o del proprio posto auto?

Il garante della privacy ha opportunamente distinto questa situazione dalla precedente, dato che le immagini non verranno diffuse e comunicate a terzi, non si applicano le norme previste dal codice della privacy. Non sussiste quindi, ad esempio, l’obbligo di apposizione di un cartello che segnali la telecamera a patto che quest'ultima riprenda esclusivamente l’ingresso e non, ad esempio, l’intero pianerottolo ed il discorso è analogo per il posto auto.

Informazioni aggiuntive

  • copyright: © Condominio Pratico RIPRODUZIONE RISERVATANe è consentita esclusivamente la riproduzione con citazione e link alla fonte
Torna in alto

Accedi or Registrati