Menu
Registrati

CookiesAccept

Questo sito utilizza i cookie per migliorare i servizi offerti agli utenti.

Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
Per saperne di più

OK

Consapevolezza ambientale: il ruolo dei condomìni

Consapevolezza ambientale: il ruolo dei condomìni

Parlare di condominio ed ambiente è quanto mai attuale, cerchiamo di capirlo attraverso alcuni numeri.

In Italia gli edifici esistenti sono circa 13 milioni di cui  11 sono ad uso abitativo per un totale di 27 milioni di unità abitative occupate da quasi 21 milioni di famiglie

L'impatto ambientale del settore residenziale è quindi ragguardevole, ma, d'altro canto il condominio può anche rappresentare la prima cellula di ambiente ecocompatibile urbano

La nota Agenda 21 (letteralmente: " cose da fare nel ventunesimo secolo"), un documento di intenti e obiettivi programmatici su ambiente, economia e società, sottoscritto da oltre 170 paesi di tutto il mondo durante la conferenza delle Nazioni Unite su ambiente sviluppo a Rio de Janeiro nel giugno 1992, riconosce un ruolo decisivo alla comunità locali nell'attuare le politiche di sviluppo sostenibile, considerando che quasi il 50% della popolazione mondiale vive in contesti urbani e che tale  percentuale è destinata a crescere fino al 63% nel 2030.

Il 40% dei consumi energetici vengono utilizzati nel settore residenziale e terziario e nello specifico in Italia questa percentuale si attesta intorno al 30% di cui oltre il 20% solo nel settore residenziale.

L'impatto del settore residenziale sull'ambiente non è però solo relativo ai consumi energetici e alle emissioni di gas serra. La produzione di rifiuti solidi urbani è altrettanto rilevante e le problematiche relative al diffuso impiego di materiali contenenti amianto in edilizia nel recente passato meritano un posto di rilievo nelle preoccupazioni ambientali dei condomini.

Ne consegue che l’attenzione al tema ambientale da parte dell'opinione pubblica italiana è cresciuta esponenzialmente negli ultimi anni: l'indice di sensibilità ambientale si attesta a quota 67 (su scala da 1 a 100), confermandosi su livelli massimi dall'inizio del monitoraggio (dati MOPAmbiente). La metà degli italiani parla e si informa frequentemente su tematiche ambientali dunque. Elevato e in aumento risulta anche il livello di coinvolgimento personale sull'ambiente sia per l'attenzione personale, sia la consapevolezza del contributo individuale per ridurre l'impatto ambientale.

Informazioni aggiuntive

  • copyright: © Condominio Pratico RIPRODUZIONE RISERVATANe è consentita esclusivamente la riproduzione con citazione e link alla fonte
Torna in alto

Accedi or Registrati